Pistacchi: calorie, valori nutrizionali e proprietà

Pistacchi: calorie, valori nutrizionali e proprietà

Pistacchi: tutte le proprietà di questo frutto amato dalla Regina di Saba

I pistacchi sono, all’interno della macrocategoria della frutta secca, probabilmente tra i frutti più apprezzati, sia per le proprietà sia per il gusto. Il loro sapore, infatti, li rende perfetti sia per preparazioni dolci sia per quelle salate. L’uso dei pistacchi ha origini antichissime: alcuni archeologi hanno infatti dimostrato il loro utilizzo già nel 6750 a.C. L’origine della Pistacia Vera, nome scientifico della pianta del pistacchio, è però confusa. Alcuni studiosi pensano che l’area da cui ha avuto origine la coltivazione della pianta, e di conseguenza il consumo dei pistacchi, sia il Medio Oriente. Altri, invece, pensano che la loro storia inizi in Asia, con particolare riferimento a India, Afghanistan, Tajikistan e Uzbekistan. In ogni caso, l’uso dei pistacchi è oggi diffuso in tutto il mondo, sia per motivi culturali sia per le tante proprietà benefiche. Come altra frutta secca oleosa, infatti, anche i pistacchi sono dei veri e propri alleati per prevenire alcune malattie ma anche per tenere sotto controllo il peso corporeo.

Le origini dei pistacchi

Le origini della pianta del pistacchio e, di conseguenza, dei pistacchi sembrano essere antichissime. Come anticipato, alcuni studi archeologici hanno confermato la presenza di questo alimento già in epoca preistorica, nel 6750 a.C. La nascita della pianta potrebbe essere avvenuta tra Medio Oriente ed estremo est del mondo: ciò, ovviamente, non ha impedito che l’uso di questo alimento si diffondesse in buona parte del pianeta. Plinio il vecchio, ad esempio, parla dei pistacchi come alimento di uso comune nell’antica Roma, importato dalla Siria durante il proconsolato di Lucio Vitellio il Vecchio. I pistacchi sembravano essere anche uno degli alimenti più amati dalla Regina di Saba, sovrana assoluta che decretò la coltivazione della pianta di pistacchio a suo uso esclusivo. Intorno al 1800, complici le colonizzazioni europee, i pistacchi vennero introdotti anche in Australia, Nuovo Messico e successivamente in California. Non è da escludere, infine, che nell’antichità i gusci dei pistacchi venissero utilizzati come combustibile.  

Pistacchi: calorie, valori nutrizionali e proprietà benefiche

Come buona parte della frutta secca, della categoria lipidica, anche i pistacchi presentano un elevato apporto calorico nonché un’abbondante presenza di grassi. Ogni 100 grammi, infatti, i pistacchi presentano circa 560 calorie e oltre 55 grammi di grassi ma anche oltre 18 grammi di proteine e 10 di fibre. All’interno dei pistacchi sono presenti altresì importanti nutrienti quali acidi grassi insaturi, magnesio, potassio, vitamina K e fitochimici quali fitosteroli, luteina, g-tocoferolo e polifenoli.

Tutte queste caratteristiche rendono i pistacchi un vero e proprio alleato per la salute, così come noci o arachidi. Nonostante l’elevato apporto calorico, infatti, se mangiati in piccole quantità (circa 30 grammi al giorno), questi frutti possono aiutare nel ridurre i rischi di malattie cardiovascolari, di diabete di tipo 2 e addirittura a mantenere il peso corporeo. I pistacchi e la frutta secca a guscio, infatti, sono tollerati anche nelle diete ipocaloriche a causa delle proprietà nutrizionali che li rendono amici della salute dell’uomo. Ovviamente è bene non esagerare e prestare attenzione ad eventuali allergie.

Entrando nel dettaglio, scopriamo che i pistacchi possono aiutare per:

  • Salute cardiovascolare - La proprietà antinfiammatoria dei pistacchi aiuta il muscolo cardiaco a rimanere in salute. Non solo: questi frutti agiscono sul controllo dei grassi nel sangue in quanto gli acidi grassi monoinsaturi favoriscono la sostituzione del colesterolo LDL, dannoso per la nostra salute. Ultima ma non per importanza la loro proprietà antiossidante.
  • Ipertensione - Recenti studi hanno dimostrato che l’alto contenuto di potassio nei pistacchi possa rappresentare un alleato contro l’ipertensione. Il potassio è infatti fondamentale per il corpo in quanto favorisce una buona attività cellulare nonché aiuta il controllo della pressione sanguigna.
  • Tasso glicemico e diabete - L’assunzione di pistacchi aiuta anche nella prevenzione del diabete di tipo 2. Questo alimento, infatti, è particolarmente adatto ad essere ingerito insieme a cibi ad alto tasso glicemico (pasta, patate, ecc…) poiché abbasserebbe sino al 20/30% la risposta glicemica post-prandiale. Ovviamente, in casi di diabete di tipo 2 accertato è bene rivolgersi sempre ad uno specialista e utilizzare i pistacchi solo sotto consiglio medico.
  • Controllo del peso - Sono tanti, infine, gli studi che suggeriscono che i pistacchi possono aiutare nel mantenimento di un peso corporeo stabile. Anche in diete ipocaloriche, infatti, viene consigliato l’utilizzo di pistacchi e frutta secca oleosa come spuntino. 30 grammi di pistacchi al giorno, infatti, rappresentano una valida alternativa agli snack commerciali, spesso ricchi di carboidrati raffinati.
  • Gravidanza, ossa, pelle, ecc… - Esistono infine altre proprietà che contraddistinguono i pistacchi e che li rendono amici della nostra salute. La presenza di acido folico e vitamina B può aiutare durante le gravidanze, i sali minerali combattono l’indebolimento delle ossa e la vitamina H aiuta a mantenere in salute pelle e capelli.

Precisiamo, infine, che le proprietà dei pistacchi sono correlate esclusivamente ad un consumo corretto, costante e controllato.

Gli utilizzi dell’oro verde

Quando si parla di pistacchi, almeno in Italia, non si può non pensare a quelli di Bronte. Questo prodotto, nato nell’omonima cittadina siciliana, è diventato nel tempo Presidio Slow Food e ha ottenuto la certificazione DOP (Denominazione Origine Protetta). Il pistacchio di Bronte, tra i più pregiati, è anche utilizzato per moltissime preparazioni culinarie, dolci e salate. Sebbene meno celebri, anche le varietà di pistacchi più comuni possono essere utilizzate in cucina con ottimi risultati. Celebre, ad esempio, è la crema spalmabile dal colore verde acceso che si può ottenere mescolando i frutti a zucchero e latte. Gli amanti del salato non potranno non provare il pesto di pistacchi, ottimo condimento per una pasta golosa e dal sapore deciso. Infine, la granella di pistacchio a guarnizione dei piatti garantirà un risultato da chef anche ai meno avvezzi alla cucina.

Fonti:

  • Fondazione Veronesi- Sito Ufficiale;
  • Lilt Biella - Sito Ufficiale;
  • Intersezioni 52, 24 settembre 2014 - Articolo di R. Iacono.